La produzione: dal seme al piatto

La produzione: dal seme al piatto

La coltura nei campi

La preparazione del terreno è una tappa essenziale per procedere a una buona semina e a un ottimo raccolto.

La fase della semina (in cui si piantano i semi) avviene in primavera: da metà aprile per le varietà più precoci, fino a fine giugno. La diversità delle varietà di seme consente una forzatura tutto l’anno.

Dal mese di agosto, le radici arrivano a maturità. Inizia allora la fase dell’estrazione che può proseguire fino a dicembre per le varietà più tardive.  È una fase cruciale per la conservazione delle radici. Si presta particolare attenzione alla maturità delle radici e alle condizioni climatiche del periodo.

groupement-slide1
production1-slide2
production1-slide3
production1-slide4
production1-slide5
production1-slide6
production2-slide1
production2-slide2

La conservazione delle radici

Dopo l’estrazione c’è la fase della rimozione della terra durante la quale le radici sono pulite e calibrate.

Le radici sono quindi disposte in palox (grandi casse di legno) che saranno a loro volta conservati in celle frigorifere al buio e a una temperatura che blocca il ciclo vegetativo dell’indivia. Questo modo di conservazione consente di produrre indivie tutto l’anno a seconda dei bisogni

La produzione di indivie

A seconda della domanda, le radici vengono tolte dalle celle frigorifere. Sono collocate verticalmente in contenitori.

Questi contenitori sono poi disposti al buio, in sale di crescita, dette di forzatura. Il produttore vi controlla e vi gestisce la temperatura, l’umidità (tramite un sistema di circolazione dell’acqua tra le vasche) e il buio. L’indivia arriva a maturità dopo 21 giorni.

Vengono poi tolte dalla sala di forzatura. Si procede quindi alla separazione dell’indivia dalla radice.

production3-slide1
production3-slide2
production3-slide3bis
production4-slide1bis
production4-slide2
production4-slide3
production4-slide4
production4-slide5bis
production4-slide6

Imballaggio e spedizione

Le indivie sono quindi trasportate tramite nastri trasportatori di confezionamento, in cui vengono pulite, sbucciate, pesate e imballate con la massima cura in sacchetti, vaschette o cartoni.

I colli sono quindi sistemati in pallet (per ordinativo e per cliente) a loro volta conservati in celle frigorifere per consentire un’ottima conservazione.

Gli ordinativi sono quindi spediti tramite trasporto con celle frigorifere direttamente ai clienti (centrali di acquisto, piattaforme di distribuzione, grossisti, export,…) per accorciare i tempi di consegna e garantire una freschezza ottimale. Il nostro obiettivo quotidiano è «zero stock» per garantire la soddisfazione del cliente al 100%.